Il No educativo nel percorso di crescita e sviluppo.

28.09.2015 19:00

No!, esclamazione semplice, eppure talvolta difficile da pronunciare. Quante volte, sia chi è genitore sia chi non lo è, davanti ai capricci di un bambino si è “arreso” alle pressanti richieste: un gioco nuovo, un cibo diverso, dormire nel lettone, o, per i più grandi, il cellulare o il motorino. I capricci, sia infantili sia adolescenziali, sono modi per attirare l’attenzione, ottenere qualcosa, tanto più frequenti laddove i genitori si dimostrano particolarmente indulgenti, protettivi e, nell’istante di una richiesta, la soddisfano per paura di reazioni. A volte dire  è più semplice, ma le conseguenze sul rapporto educativo e sullo sviluppo della personalità sono negative. Il genitore deve saper dire no, anche se ciò comporta un disagio nel figlio, è un segnale che va dato, per far comprendere che nulla è scontato. Il libro che segnalo No che aiutano a crescere, della psicoterapeuta infantile Asha Phillips, vuole essere un aiuto per i genitori che quotidianamente vivono questi episodi con difficoltà, uno spunto di riflessione attraverso spaccati di casi reali studiati dall’autrice. Dopo la presentazione di Giovanni Bollea, noto neuropsichiatra infantile e l'introduzione, il volume divide la trattazione per fasce d’età in 5 capitoli: dalla nascita ai 2 anni (svezzamento, pianto, sonno, cibo, il papà); da 2 a 5 anni (porre dei limiti, punizioni, aggressività, buone maniere, cibo, sonno, nascita di fratelli); gli anni della scuola primaria (nuovo mondo, conflitti e rivalità fraterna, ascoltare); adolescenza (trasformazioni nel corpo e nella mente, ruolo del genitore, sessualità, realizzare i sogni); quando in famiglia entra la malattia (neonati, dai 2 ai 5, anni scuola primaria, adolescenti, malattia dei genitori) e nella parte conclusiva il rapporto di coppia, il cui amore dopo aver dato il “frutto”, aiuta la successiva crescita “per metter radici” nel mondo.

                                                                                                         Dott. ssa Silvia Ferrari

                                                                                                                           Pedagogista

Privacy Policy